martedì 25 giugno 2013

Sulla condanna di Berlusconi...

Molti mi chiedono cosa penso della condanna a 7 anni in primo grado a Silvio Berlusconi: penso che il PARTITO DEMOCRATICO ci governa insieme e non ne voterà l'ineleggibilità. E siccome Pd e Pdl rappresentano i due terzi del Parlamento, la strada per il cambiamento è ancora lunga, ma inesorabile.
Per tutto il resto c'è Ragusa, dove è appena stato eletto il settimo sindaco a 5 stelle.
Mi dispiace sedare gli entusiasmi che come sempre quando riguardano Silvio Berlusconi diventano tifo da stadio che di fatto lo fanno risorgere.
La sentenza di ieri è di primo grado, manca ancora l'appello e la cassazione. Anche se la cassazione (non so tra quanti mesi o anni) dovesse confermare la perpetua interdizione dai pubblici uffici, il Parlamento comunque dovrebbe votarla per renderla effettiva. Ciò significa che come per Cosentino, il risultato non è scontato. Non è scontato perché il PD non sappiamo come si comporterebbe, o forse lo sappiamo...visto che ha già dichiarato che non voterà l'ineleggibilitå di Silvio B. che si discuterà in commissione al Senato dal 9 luglio 2013. Visto anche che ci governa insieme compatto.

È per questo che invito sempre alla prudenza. Questo teatrino l'ho visto fare per anni. L'unico risultato che produce è costringere gli italiani a schierarsi dall'una o dall'altra parte. Invece dovremmo semplicemente stare dalla parte della Legge. Una di queste è quella sul conflitto d'interessi, del 1957! Quella che la sinistra finge di non conoscere dal 94 e che ignora ogni volta che deve votare l'ineleggibilitå per i SUOI e per Berlusconi.