martedì 10 febbraio 2015

Terra dei Fuochi: noi difendiamo i cittadini!

#‎cacciamoliacalci‬ Era la vigilia di Natale e con un testo incomprensibile, il Governo tagliava i fondi alla Terra dei Fuochi. Ieri dopo giorni di silenzio due Deputate del Pd lo hanno ammesso con una tranquillità agghiacciante.
Sono anni che ci battiamo perché le leggi siano di facile comprensione, eliminando richiami e codicilli. L'unione del testo della prima foto e della tabella nella seconda foto, producono "il sacco della Terra dei Fuochi": si sottraggono fondi per il contrasto alla criminalità organizzata in Campania e si inviano all'Expo. Dei 10 milioni di euro previsti per il 2015, Renzi ce ne sottrae 9,7!
Ma è disgustosa la modalità viscida, strisciante, da veri bari, con cui adoperano questo taglio. Il testo è praticamente "arabo", leggibile solo dagli addetti ai lavori, emanato tra l'altro alla vigilia di Natale. Se non fosse stato per Tatiana Basilio, Emanuela Corda e gli altri nostri Deputati della Commissione Difesa, non l'avremmo mai scoperto.
Le leggi devono essere di facile comprensione per i cittadini, per permetterne un reale controllo sociale. E' il fondamento della democrazia. (infatti vi ho inserito la "traduzione" nella foto).
Ieri anche le Deputate Valente e Rostan del Pd hanno ammesso che i fondi sono stati sottratti per le operazioni dell'Expo. Peccato che però non hanno preso le distanze dal loro Governo. Dicono che "non è il caso di fare allarmismi" (!!!)
Il Decreto arriverà in Aula alla Camera il 16 febbraio per la conversione. Sarà un "Vietnam". Noi difendiamo la nostra gente.